Area riservata
UserID:
Password:
18/09/2013 Confcooperative
Mais, prezzi e produzioni in calo

Il raccolto del mais del 2013, in Friuli Venezia Giulia, sarà in sensibile calo rispetto allo scorso anno. Lo rende noto Confcooperative Fvg- Fedagri Fvg, in seguito al recente incontro dei rappresentanti degli essiccatoi cooperativi. Una riunione alla quale hanno preso parte anche Manlio Palei, direttore del Servizio veterinario regionale, affiancato da Ivan Poli dell’Ass n.4, e Carlo Frausin, direttore del Servizio fitosanitario dell’Ersa.

«L’andamento climatico delle stagioni ha inciso pesantemente sulle previsioni di raccolta – dice il presidente di Fedagri Fvg, Giorgio Giacomello – che, quest’anno, dovrebbero segnare un calo che, in alcune zone della Regione, potrà raggiungere punte del 50 per cento». Le piogge persistenti fino a tarda primavera hanno determinato un ritardo nella tempestività delle semine e delle fasi di fioritura del mais, seguite da un periodo di siccità con temperature al di sopra della media stagionale. A subire le conseguenze del caldo sono stati, in particolare, i circa 30 mila ettari non irrigui coltivati a mais, coltura che richiede un elevato apporto d’acqua.

«La qualità dei cereali prodotti dalle aziende agricole regionali rimane elevata e sconta invece un andamento dei prezzi che non premia il lavoro degli agricoltori e gli investimenti sostenuti dagli essiccatoi cooperativi», lamenta inoltre Confcooperative sottolineando gli elevati standard di sicurezza alimentare garantiti dalla filiera dei controlli. Il prezzo del mais, in particolare, dalla scorsa primavera registra un forte calo: mentre la diminuzione delle produzioni riguarderà la Pianura Padana e parte della Francia, nel resto d’Europa si prevede un aumento del 16 per cento soprattutto in Europa orientale, e anche la produzione americana raggiungerà livelli record. Tutto questo concorre alla diminuzione del prezzo che, per il mais, è passato dai 25 euro a quintale di settembre 2012 agli attuali 17 euro.

Per un bilancio dell’annata saranno cruciali le prossime settimane: «Gli essiccatoi stanno coordinando gli sforzi per ottimizzare la gestione dei conferimenti e delle lavorazioni presso le proprie strutture nonché il regime dei controlli», spiega Giacomello sottolineando come, in Fvg, il sistema cooperativo rappresenti oltre il 50 per cento della produzione regionale. Sul nostro territorio, infatti, operano 9 essiccatoi cooperativi che gestiscono 13 centri di essiccazione e stoccaggio e 21 centri di raccolta e ammasso, oltre ad altre tre cooperative che gestiscono 6 centri di raccolta. Tra le colture cerealicole, il mais, con circa 60 mila ettari, risulta quella più diffusa.



Banner
 
Fondo pagina

Confcooperative Friuli Venezia Giulia - Viale Giovanni Paolo II, 15/1-2 - 33100 Udine - C.FISC. 80009470305
tel. 0432.600546 - fax. 0432.526963 - e-mail: friuliveneziagiulia@confcooperative.it -
Nota legale - Cookie Policy
pec
Powered by
Iccrea Banca
Questo sito è ottimizzato per la visualizzazione con Internet Explorer 7 o successivi.