Area riservata
UserID:
Password:
14/10/2011 Confcooperative
Federsolidarietà Fvg: L’innovazione deve entrare nei geni della cooperazione sociale

Giuliana Colussi, Presidente di Federsolidarietà Fvg
Giuliana Colussi, Presidente di Federsolidarietà Fvg

Una parte della cooperazione sociale del Friuli Venezia Giulia è in difficoltà, ma reagisce con l’innovazione. È una delle indicazioni emerse dalla ricerca presentata dal sociologo Luca Fazzi, docente dell’Università di Trento, all’assemblea di Confcooperative-Federsolidarietà tenutasi a Fiumicello.«Il 27% delle cooperative sociali regionali è in difficoltà – conferma Fazzi -, ma il 62% ha avviato processi di innovazione, contro il 58% della media nazionale». E di evoluzione necessaria alla sopravvivenza ha parlato in apertura dell’incontro anche l’assessore regionale alla salute, Vladimiro Kosic, il quale ha anticipato come, nell’annunciata riforma sanitaria regionale, le cooperative avranno un ruolo importante nella costruzione della nuovo welfare society.

La presidente di Federsolidarietà Fvg, Giuliana Colussi, ha sottolineato ancora una volta l’ingiusta punizione fiscale contenuta nella recente manovra finanziaria che colpisce la cooperazione e la cooperazione sociale in particolare, in un momento, tra l’altro, in cui «non solo la crisi economica è entrata nel vivo, ma dà segnali di ulteriore degrado e sarà accompagnata dal peggioramento della qualità dei servizi erogati. Tanto più – aggiunge – se gli enti locali proseguiranno sulla strada degli appalti con gare al massimo ribasso».

Guerini Kosic Colussi Fazzi federsolidarietà

Buona parte del welfare locale e sussidiario è affidato a cooperative sociali – ricorda Colussi –. Ecco perché in gioco non c’è solo l’erogazione sul territorio di servizi fondamentali per la tenuta sociale di una comunità. «In una società nella quale non è presente il sentimento della solidarietà, non vi può esistere la coesione sociale. La quale a sua volta rappresenta un requisito essenziale dello sviluppo di una comunità», gli ha fatto eco l’assessore regionale alla cooperazione, Roberto Molinaro (foto sotto a sinistra), in un passaggio del suo intervento di chiusura.

Molinaro Perissini Romano federsolidarietàIn Friuli Venezia Giulia, le 153 cooperative sociali aderenti a Federsolidarietà, hanno 6.700 soci, occupano 5.500 persone e producono un fatturato di circa 148 milioni di euro. Sussidiarietà pubblico-privato e innovazione sono stati al centro del dibattito dell’Assemblea.
Oltre al presidente di Confcooperative, Franco Bosio, ai lavori è pure intervenuto Giuseppe Guerini, presidente nazionale di Federsolidarietà con una riflessione sulle imprese sociali nel contesto strategico europeo. Nel pomeriggio, si è svolto un confronto sui contenuti relativi alla partecipazione all’Assemblea nazionale di Federsolidarietà prevista per i giorni 15 e 16 novembre, a Roma.

Rassegna stampa

Icona PDF Messaggero Veneto, 12 ottobre: Federsolidarietà denuncia: «Pagamenti anche a 20 mesi»

Icona PDF Messaggero Veneto, 14 ottobre: Molinaro: «Cercheremo risorse per la Cooperazione Sociale»

Icona PDF Il Piccolo, 14 ottobre: Federsolidarietà Fvg: «No agli appalti al massimo ribasso»

Banner
 
Fondo pagina

Confcooperative Friuli Venezia Giulia - Viale Giovanni Paolo II, 15/1-2 - 33100 Udine - C.FISC. 80009470305
tel. 0432.600546 - fax. 0432.526963 - e-mail: friuliveneziagiulia@confcooperative.it -
Nota legale - Cookie Policy
pec
Powered by
Iccrea Banca
Questo sito è ottimizzato per la visualizzazione con Internet Explorer 7 o successivi.