Area riservata
UserID:
Password:
20/06/2011 Confcooperative
I 12 anni dell'Immaginario Scientifico di Grignano

Sono ormai passati dodici anni da quando, il 21 giugno del 1999, l'Immaginario è stato aperto al pubblico nella sua nuova veste e nella sua nuova sede all'interno del campus di Miramare.

Oggi l'IS è prima di tutto un museo “diffuso”, con una gestione e impostazione comune di ben cinque musei: i due principali Science Centre di Grignano e di Pordenone, a cui si affiancano a Malnisio (nel comune di Montereale Valcellina in provincia di Pordenone) la sede dell'IS all'interno del Museo storico dell'ex Centrale idroelettrica “Antonio Pitter” e il Geo Centre Immaginario Geografico & Centro di documentazione ex Latteria.
L'IS è infine gestore del Museo Archeologico di Monterelale Valcellina, nello splendido complesso seicentesco di Palazzo Toffoli.

Oltre che centri espositivi di nuova generazione, quindi caratterizzati da un alto livello di interattività e multimedialità, i musei dell'Immaginario Scientifico sono anche spazi pubblici che propongono percorsi, mostre, eventi e attività volte alla diffusione della cultura scientifica e tecnologica e geografico-ambientale, con particolare attenzione per i grandi temi emergenti che coinvolgono scienza e società.
L'Immaginario Scientifico è inoltre da sempre impegnato nella realizzazione di mostre temporanee, nella forma di multivisioni tematiche, dove spettacolari immagini dal mondo della scienza vengono proiettate su maxischermi in un ambiente coinvolgente e immersivo, abbinate a musiche prodotte ad hoc per ogni singola mostra (sono 16 le mostre realizzate dal 1999 ad oggi).
All'interno di tutte le proprie sedi museali, l'IS propone anche numerosi servizi di animazione didattica sia per il pubblico generico che per quello scolastico, con i laboratori tematici per gli studenti da 6 a 18 anni. Sono inoltre disponibili attività di ludo-didattica per i bambini da 3 a 5 anni e animazioni a carattere scientifico per i bambini che visitano i musei durante l'orario di apertura al pubblico.
Negli ultimi due anni, grande successo riscuotono inoltre le “Notti immaginarie”, con esperimenti, giochi e intere notti in museo in cui i bambini si confrontano con i personaggi che hanno fatto la storia della scienza.

Per quanto riguarda il numero di visitatori sono oltre 500.000 i visitatori totali con una attuale media annua di circa 60.000 visitatori di cui oltre 40.000 di utenze scolastiche.

A gestire questo sempre più ampio ventaglio di proposte e attività, è la società cooperativa Laboratorio dell'Immaginario Scientifico, che impiega attualmente 25 persone nello staff permanente (che si occupano della gestione e della progettazione dei diversi settori: dalla didattica alla grafica, dalla produzione delle mostre all'amministrazione, alla comunicazione ecc.) e 37 collaboratori per lo svolgimento dei servizi di animazione didattica e laboratoriale.

Una sessantina, quindi, le persone coinvolte (con un'età media di 28 anni, l'80% laureato o laureando) sul territorio regionale, per una struttura che conta su un budget annuo di poco più di 1 milione di euro (metà di derivazione pubblica e metà ricavato in proprio dai biglietti, dalle attività didattiche e dai servizi museali forniti a terzi).
L'Immaginario Scientifico è diventato negli anni un esempio concreto di “impresa culturale”, che dimostra di essere non solo sostenibile ma anche virtuosamente praticabile, capace di fare economia attraverso la sinergia fra pubblico e privato.

Un'impostazione di successo che riceve conferma nella pratica quotidiana e che è stata riconosciuta recentemente anche dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che ha inserito l'Immaginario Scientifico fra i migliori esempi dell'innovazione e dell'eccellenza tecnologica italiana nell'ambito del progetto Italia degli Innovatori, che si propone di dare visibilità all’Italia che innova, promuovendo le eccellenze tecnologiche nel nostro Paese.
L'IS è stato selezionato per aver “introdotto un elemento di forte innovazione ai fini della divulgazione scientifica, attraverso l’utilizzo della multimedialità” e “nella realizzazione di percorsi museali – basati sull’interazione, la sperimentazione e la partecipazione diretta, attraverso l’uso peculiare degli spazi e degli apparati didascalici – e nell’implementazione di servizi didattici e ludo-didattici, svolti con metodologie non tradizionali”.

Immaginario Scientifico

Banner
 
Fondo pagina

Confcooperative Friuli Venezia Giulia - Viale Giovanni Paolo II, 15/1-2 - 33100 Udine - C.FISC. 80009470305
tel. 0432.600546 - fax. 0432.526963 - e-mail: friuliveneziagiulia@confcooperative.it -
Nota legale - Cookie Policy
pec
Powered by
Iccrea Banca
Questo sito è ottimizzato per la visualizzazione con Internet Explorer 7 o successivi.