Area riservata
UserID:
Password:
03/03/2011 Confcooperative
Cooperative: tiene l’occupazione, aumentano i soci

I dati resi noti da Confcooperative Fvg. Ritardati pagamenti e appalti al massimo ribasso hanno pesato sui bilanci 2010 – L’export trascina la ripresa in particolare nell’agroalimentare.

Confcooperative Fvg ha reso noto i dati sull’andamento delle cooperative associate nel 2010, che mostra un sensibile incremento della base sociale delle cooperative in particolare in alcuni settori: i soci delle cooperative di produzione e lavoro passano da 5.484 a 6.582, quelli delle cooperative sociali da 9.262 a 9.486. Aumenta inoltre il numero delle cooperative sociali, da 152 a 160 (+5,2%) che se nel 2009 hanno mostrato ancora un forte incremento del fatturato sul 2008 (+13,4% da 130 a 148 milioni di euro), hanno visto pesare sensibilmente la crisi sui bilanci 2010, in via di chiusura: appalti al massimo ribasso e ritardati pagamenti, anche e soprattutto da parte delle Pubbliche amministrazioni, continuano a penalizzare le cooperative che maggiormente dipendono dalla committenza pubblica. Domanda discontinua e carenza di liquidità pesano su 8 cooperative su 10, secondo i dati elaborati da Confcooperative: va meglio per le cooperative che hanno saputo internazionalizzarsi: a trainare la risalita sono soprattutto gli ordini dall’estero, in particolare in settori, quali il vino, particolarmente vocati all’export.
«La progressiva apertura ai mercati internazionali, soprattutto per le cooperative di più grandi dimensioni – ha spiegato il segretario generale di Confcooperative Fvg, Nicola Galluà, nel commentare i dati - rappresenta una chance fondamentale per lo sviluppo. L’eventualità e la possibilità di sbarcare in paesi esteri e di entrare in nuovi mercati, senza per questo tradire il proprio radicamento sul territorio d’origine, amplia le opportunità di sviluppo per tutto il sistema cooperativo».
I prossimi mesi dovrebbero segnare, peraltro, una ripresa dell’occupazione: secondo i dati di Confcooperative, il 18,7% delle cooperative della macroarea Nord prevede un incremento occupazionale nella prima metà del 2011, a fronte di un 10,4% che prevede un saldo negativo degli occupati. Tra i settori che dovrebbero osservare la dinamica più positiva ci saranno il settore produzione e lavoro e quello agroalimentare e della pesca.
Buoni, in prospettiva, anche i dati sugli ordini: il 22% dei cooperatori intervistati per la XVII Nota congiunturale, relativa agli ultimi quattro mesi del 2010, ha segnalato un aumento della domanda.

Banner
 
Fondo pagina

Confcooperative Friuli Venezia Giulia - Viale Giovanni Paolo II, 15/1-2 - 33100 Udine - C.FISC. 80009470305
tel. 0432.600546 - fax. 0432.526963 - e-mail: friuliveneziagiulia@confcooperative.it -
Nota legale - Cookie Policy
pec
Powered by
Iccrea Banca
Questo sito è ottimizzato per la visualizzazione con Internet Explorer 7 o successivi.