Area riservata
UserID:
Password:
20/05/2010 Confcooperative
Latterie Friulane in positivo

In un anno difficile resta buona la remunerazione del latte agli allevatori. Prosegue il progetto di ristrutturazione per ridurre i costi. Roberto Rossi riconfermato alla presidenza

Bilancio in tenuta per Latterie Friulane, in un anno particolarmente difficile: il fatturato si è ridotto dell’8,75% (attestandosi su 66,687 mln di Euro), ma è stata mantenuta la positività dei conti e, soprattutto, è stata garantita una buona liquidazione del prezzo del latte alla stalla: 0,3586 euro per litro, più Iva (in Lombardia: 0,32 euro più Iva). Il lavoro della più importante impresa agroalimentare del Friuli Venezia Giulia, nel 2009 si è sviluppato in una situazione di mercato particolarmente instabile. A fronte di una diminuzione della produzione italiana di latte pari all’1%, i consumi hanno subito una riduzione del 12,1% con un calo conseguente del prezzo del latte alle aziende e del formaggio, Montasio compreso (-7% su base annua sul prodotto a due mesi). Le previsioni per il 2010 non sono migliori. Le vendite degli alimentari continuano a calare come pure il prezzo del Montasio, mentre i conferimenti dei soci sono in sensibile crescita. Nel 2009, con 225 collaboratori, il consorzio cooperativo ha lavorato 780.766 ettolitri di latte (conferiti da 250 allevatori regionali) e ha esportato prodotti finiti per un valore pari al 7,2% del proprio fatturato (in Austria e Russia, principalmente). Lo yogurt di Latterie Friulane continua a essere apprezzato dai consumatori e cresce del 5,63%.

latterie friulaneIntervenendo ai lavori assembleari, quale unico rappresentante sindacale di diritto, il presidente di Confcooperative Fvg, Franco Bosio, ha detto: «Il problema vero non è se la filiera è lunga o corta, l’importante è che sia una filiera efficiente ai fini della remunerazione del prodotto. Il ruolo delle organizzazioni di rappresentanza – ha sottolineato Bosio – deve essere quello di difendere il reddito degli allevatori mantenendo alto il prezzo del latte, con tutti i mezzi a disposizione».

Il consiglio di amministrazione, che ha riconfermato il presidente Roberto Rossi e il vice, Guecello di Porcia e Brugnera (sostenuti da una lista di allevatori autonomi rispetto alle organizzazioni professionali), affiancato dal direttore Franco Panciera, ha avviato un importante progetto di ristrutturazione produttiva con un investimento di circa 8 milioni di euro, finalizzato al contenimento dei costi. Tra l’altro, sarà potenziata la linea di confezionamento della mozzarella, sarà dimesso l’impianto di produzione del latte a lunga conservazione (UHT) e i due depositi di Trieste e Gorizia saranno accorpati a Monfalcone.

Banner
 
Fondo pagina

Confcooperative Friuli Venezia Giulia - Viale Giovanni Paolo II, 15/1-2 - 33100 Udine - C.FISC. 80009470305
tel. 0432.600546 - fax. 0432.526963 - e-mail: friuliveneziagiulia@confcooperative.it -
Nota legale - Cookie Policy
pec
Powered by
Iccrea Banca
Questo sito è ottimizzato per la visualizzazione con Internet Explorer 7 o successivi.