Area riservata
UserID:
Password:
22/04/2010 Circolari tecniche
SISTRI: entro il 29 aprile iscrizione per il 2° gruppo

La legge finanziaria 2007 ha previsto l’istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, cosiddetto SISTRI (vd. articolo 189 del D. Lgs. 152 del 2006; articolo 14-bis del D.L. 78/2009 convertito, con modificazioni, dalla legge n. 102 del 2009. (10A00043) (GU n. 9 del 13-1-2010 - suppl. Ordinario n. 10).

Si approssima, in base alla normativa citata, la scadenza del prossimo

29 aprile

riguardante le imprese (del secondo gruppo) obbligate entro tale data, all’iscrizione al Sistri (Sistemi di Tracciabilità dei Rifiuti). Per le imprese del primo gruppo l’iscrizione andava perfezionata entro lo scorso 30 marzo.

Si precisa che, le imprese del secondo gruppo, (obbligate all’iscrizione entro il prossimo 29 aprile) sono quelle che hanno un numero di dipendenti da 11 a 50 e che svolgono una delle seguenti attività:

1) produttori iniziali di rifiuti pericolosi, ivi compresi i soggetti di cui all’articolo 212, comma 8, quali:

- le imprese che esercitano la raccolta e il trasporto dei propri rifiuti non pericolosi come attività ordinaria e regolare,

- le imprese che trasportano i propri rifiuti pericolosi in quantità che non eccedano trenta chilogrammi al giorno o trenta litri al giorno, con più di cinquanta dipendenti;

2) le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti speciali di cui all’articolo 184, comma 3 lettere c), d) e g) quali:

- rifiuti derivanti da lavorazioni industriali,

- rifiuti derivanti da lavorazione artigianali,

- rifiuti derivanti da attività di recupero e smaltimento, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi.

Le imprese per le quali l’iscrizione al SISTRI è facoltativa, ovvero per:
- le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all’art. 184*, comma 3, lettere c), d) e g), del d.lgs. n. 152/2006 che un numero di dipendenti non superiore a dieci;

- le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non pericolosi di cui all’art. 212, comma 8, del d.lgs. n. 152/2006;

- gli imprenditori agricoli di cui all’art. 2135 del Codice Civile che producono rifiuti non pericolosi;

- le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da attività diverse da quelle di cui all’art. 184*, comma 3, lettere c), d) e g), del d.lgs. n. 152/2006;

possono volontariamente perfezionare detta iscrizione a decorrere dal 12 agosto 2010 in poi:

Si ricorda infine che, ad oggi, non sono previste sanzioni per la mancata iscrizione, ma viene data per certa l’introduzione di un regime sanzionatorio per quanti non risulteranno in regola con le iscrizioni al momento di modifica del complesso normativo citato in apertura della presente.

Per gli eventuali chiarimenti che si rendessero necessari Vi invitiamo a contattare le sedi provinciali di Confcooperative (vd. menù in alto a sinistra).

Banner
 
Fondo pagina

Confcooperative Friuli Venezia Giulia - Viale Giovanni Paolo II, 15/1-2 - 33100 Udine - C.FISC. 80009470305
tel. 0432.600546 - fax. 0432.526963 - e-mail: friuliveneziagiulia@confcooperative.it -
Nota legale - Cookie Policy
pec
Powered by
Iccrea Banca
Questo sito è ottimizzato per la visualizzazione con Internet Explorer 7 o successivi.