Area riservata
UserID:
Password:
25/03/2010 Confcooperative
Gardini: valorizzare i prodotti dei soci agricoltori attraverso un accordo con la grande distribuzione

Il presidente nazionale delle cooperative agricole pone come punti fermi dell’accordo il rispetto dei costi di produzione ed una maggiore attenzione all’origine del prodotto, e invoca la collaborazione tra tutte le organizzazione di rappresentanza del settore

Si è tenuta nei giorni scorsi a Roma l’assemblea nazionale di Fedagri Confcooperative, il colosso della cooperazione agroalimentare che rappresenta ben 3.532 cooperative agricole in Italia e che ha riconfermato alla presidenza Maurizio Gardini (foto).
Tra il 2003 e il 2009 è aumentato del 28% il fatturato delle cooperative associate a Fedagri, che oggi impiegando 465.000 addetti, per un fatturato aggregato di 25,2 miliardi di euro. La cooperazione agricola in Italia rappresenta il 24% del fatturato dell’intero comparto agroalimentare e trasforma il 35% della produzione lorda vendibile nazionale, e in particolare Confcooperative mostra un accentuato dinamismo (negli ultimi sei anni ci sono state oltre 800 nuove adesioni all’organizzazione di settore, Fedagri).

L’assemblea è stata l’occasione per Gardini di proporre alle altre organizzazioni di rappresentanza del mondo agricolo di unire le forze per raggiungere un accordo con la grande distribuzione con l’obiettivo di valorizzare maggiormente e tutelare gli agricoltori italiani: «Intendo lanciare oggi alle altre organizzazioni agricole la proposta di giungere entro l’estate alla stipula di un accordo con le principali catene della Grande distribuzione italiana. I contenuti dell’accordo proposti da Fedagri sono: una maggioranza trasparenza sulle operazioni di mercato e di sottocosto; il rispetto dei costi di produzione, specie in particolari crisi di mercato; una maggiore attenzione all’origine e agli sforzi che le organizzazioni di produttori hanno fatto per garantire il controllo di processo e il rispetto della normativa - non ultimo l’applicazione di criteri di reciprocità per le produzioni agricole importate

Ai cooperatori riuniti in assemblea è giunto inoltre il saluto del capo dello stato, Giorgio Napolitano: «L’assemblea nazionale della Confcooperative-Fedagri costituisce un’importante occasione di riflessione e di confronto sullo stato del sistema cooperativo del comparto agroalimentare e sulle prospettive di questo settore essenziale del tessuto produttivo e sociale» - recita uno dei passaggi del comunicato del Presidente della repubblica.

Sono 24 i cooperatori del Friuli Venezia Giulia delegati all'assemblea nazionale: la delegazione, guidata dal presidente regionale Fedagri, Giorgio Giacomello, e dal presidente regionale di Confcooperative, Franco Bosio, ha visto l'elezione dello stesso Giacomello nel Comitato di presidenza nazionale.

Banner
 
Fondo pagina

Confcooperative Friuli Venezia Giulia - Viale Giovanni Paolo II, 15/1-2 - 33100 Udine - C.FISC. 80009470305
tel. 0432.600546 - fax. 0432.526963 - e-mail: friuliveneziagiulia@confcooperative.it -
Nota legale - Cookie Policy
pec
Powered by
Iccrea Banca
Questo sito è ottimizzato per la visualizzazione con Internet Explorer 7 o successivi.