Area riservata
UserID:
Password:
12/09/2009 Confcooperative
La cooperazione oltre la società di mercato

"Un’economia speculativa non finalizzata al bene delle comunità locali e fonte, perciò, di tante deleterie disuguaglianze". È stata questa la sottolineatura di Franco Bosio, presidente di Confcooperative Fvg, in apertura del convegno “Il ruolo della cooperazione nell’economia di mercato” tenutosi ieri a Pordenone Fiere. "Il legame della cooperazione con il territorio – ha proseguito Bosio - testimonia come sia ancora possibile fare economia con equilibrio, equità e stabilità, senza perseguire un profitto fine a se stesso".

Alla presentazione del nuovo segretario generale di Confcooperative Fvg, Nicola Galluà, è seguito l’atteso intervento di monsignor Adriano Vincenzi, delegato della Cei per Confcooperative, il quale ha fornito un’analisi dettagliata della funzione sociale della cooperazione alla luce della recente enciclica “Caritas in Veritate”. «Questa enciclica si muove continuità con la dottrina sociale della Chiesa – ha detto - Il papa scrive con chiarezza che non si può più produrre ricchezza rammaricando le persone: bisogna farle felici». E di economia della felicità ha parlato pure il professore Francesco Marangon, economista dell’Università di Udine.

Per Graffi Brunoro, presidente della Federazione regionale delle Bcc: «Fare impresa è una cosa ben diversa dal fare affari! - ha aggiunto - la cooperazione si colloca in un ambito di utilità sociale complessiva, oltre che economica. Le banche locali – ha concluso Graffi Brunoro – hanno un ruolo preciso nel sostegno reale delle comunità di territorio (persone, famiglie, imprese), in quanto storiche interpreti di un corretto concetto di mercato relazionale».

Gli appunti di Virgilio Maiorano, presidente di Confcooperative Pordenone, hanno anticipato le riflessioni conclusive proposte dall’assessore regionale all’istruzione formazione e cultura, Roberto Molinaro che ha posto in evidenza, tra l’altro, come l’impresa cooperativa sia esplicitamente citata dalla Costituzione italiana.

Al sistema regionale di Confcooperative aderiscono 758 imprese sociali per un totale di 47 mila soci, 15 mila addetti e 1,3 miliardi di fatturato.

Banner
 
Fondo pagina

Confcooperative Friuli Venezia Giulia - Viale Giovanni Paolo II, 15/1-2 - 33100 Udine - C.FISC. 80009470305
tel. 0432.600546 - fax. 0432.526963 - e-mail: friuliveneziagiulia@confcooperative.it -
Nota legale - Cookie Policy
pec
Powered by
Iccrea Banca
Questo sito è ottimizzato per la visualizzazione con Internet Explorer 7 o successivi.